ACQUAMADRE NON FESTIVAL

scienze, arti & arti applicate

ACQUA MADRE, nasce per affrontare una nuova sfida: quella di realizzare un “Non Festival” di Scienze, Arti&Arti applicate, dal taglio interdisciplinare, dova la Scienza incontra l’Arte, la Filosofia il Paesaggio, la Tecnica la Cultura. Non Festival, perché al centro di tutto, prima ancora dei singoli eventi, c’è l’uomo, la natura, il territorio in cui si creano relazioni, il concetto che sta alla base del teatro, la musica e tutte le altre arti. D’altra parte, milioni di anni fa, in queste zone sorgeva il cosiddetto Bacino Tiberino, che grazie alle sue acque che ricoprivano l’intera regione, metteva in relazione la flora con la fauna, l’ambiente lacustre con quello terrestre. Sulle sponde di esso, nacque la Foresta Fossile, madre di quei verdi boschi che caratterizzano tutta l’Umbria.

Normalmente, chi scrive per la scena, interpreta o racconta storie, necessita anche se di poco, di oggetti, orpelli o apparati scenografici per suggestionare chi lo ascolta. Nella nostra visione, la Foresta Fossile invece, che è già una scenografia naturale unica al mondo, offre agli uomini la possibilità di raccontarsi, con le loro Scienze, le loro Arti e soprattutto i loro mestieri. Perché, non dimentichiamoci che questo straordinario sito paleontologico Unico al Mondo, ha rappresentato nel corso di centinaia d’anni un importantissimo luogo di lavoro, come miniera per l’estrazione della lignite e come cava d’argilla per la fabbricazione di mattoni, col quale gli uomini si sono sempre raccontati. Ribaltare quindi la prospettiva o il punto di vista con cui normalmente si fruisce di un festival e di tutti i suoi singoli eventi programmati su tutti i 50 km quadrati del territorio aviglianese, che costituisce il MOFF’art, porta Acquamadre a diventare il nostro Non Festival. Nell’ampio panorama nazionale ed internazionale delle proposte spettacolari, il progetto, grazie all’unicità che rappresenta la Foresta Fossile attorno alla quale ruotano tutti i progetti di Surgente, Acquamadre/Non Festival si ritaglia a pieno diritto un posto originale e di tutto rilievo, per il suo essere a “dimensione umana”.